Crea sito

agata

Agata bianca e cristallo di rocca

Agata bianca e cristallo

La collana in agata bianca e cristallo di rocca di oggi è nata in ufficio.

Ricordo che quando le perle di agata bianca della collana di oggi mi erano arrivate, naturalmente tutti quelli che le avevano viste avevano sentito il bisogno di fare proposte sul loro utilizzo.

Io ascoltavo come se le parole arrivassero da un altro mondo. Continuavo a guardare le perle nelle mie mani e sentivo le voci come un rumore di sottofondo. Intanto cominciavo a vederle accostate.

Arrivata a casa ecco la realizzazione di quello che vedevo nelle mie mani in ufficio.

Parure agata

Parure agata

La parure agata striata rossa è composta da perle tagliate a barilotti e perle tonde in agata striata rossa. La minuteria è color oro, un colore che utilizzo raramente, ma che in questo caso è indicatissima.

Si riserva il nome di agata a quella varietà di calcedonio che presenta la caratteristica struttura a strati concentrici spesso vivacemente colorati. Tale aspetto dipende dal modo di formazione nelle cavità di alcune rocce, per lo più basaltiche: l’acqua ricca di silice deposita uno straterello dopo l’altro di calcedonio contenente impurità colorate. Talora è presente anche quarzo.  La colorazione più comune è grigia o azzurra ma si può anche trovare rossa , blu, verde e nera.

Fin dai tempi più remoti i popoli mesopotamici e mediterranei la lavoravano per ottenere diversi oggetti ornamentali e artistici. Era ritenuta inoltre un valido mezzo contro il veleno dei serpenti: per la loro bellezza furono ricercatissime anche nella Roma imperiale.

A seconda della colorazione presentata, vengono dati alle agate diversi nomi: agata-corniola se le zone sono rosse, agata-sarda se gli straterelli sono prevalentemente bruni, agata-diaspro con alternanze di calcedonio e diaspro, agata-nuvola con zone torbide e agata-runiforme se i disegni e le zonature sono disposti in modo da simulare l’effetto di costruzioni e paesaggi.(Testo da “Pietre dure e pietre preziose” Giunti Ed.)