Crea sito

Swarovski e cristallo

orecchini con cristalli

Gli orecchini con cristalli fanno parte dei tutorial che ho realizzato in collaborazione con House of gem. Vi avevo detto che nel loro sito ci sono tantissime monachelle molto particolari e, per questi orecchini, ho scelto due cuoricini in cubic zirconia a lobo, molto luminosi e ho deciso di aggiungere cinque piccoli cristalli a scalare. Una volta indossati creano un bellissimo movimento e danno molta luce al viso.

Per questi orecchini vi serve:

2 monachelle a lobo con cuore in cubic zirconia
10 cristalli
10 chiodini
10 pezzettini di catenella di lunghezza diversa
2 anellini
pinze varie.

orecchini con cristalli 1

Per realizzare gli orecchini con cristalli, per prima cosa tagliate la catenella in 5 pezzettini di lunghezza diversa (naturalmente tagliatene 2 per ogni lunghezza 🙂 )

orecchini con cristalli 2

Con la tecnica del nodo che trovate spiegato nel video che ho inserito nell’articolo degli orecchini pendenti, attaccate un cristallo ad ogni catenella.

orecchini con cristalli 3

Aprite l’anellino e inserite le cinque catenelle e la monachella, chiudete l’anellino, assemblate l’altro orecchino e gli orecchini con cristalli sono pronti.

 

braccialetto in onice

Il braccialetto in onice è un’altra mia creazione in collaborazione con House of gem. Quando ho cominciato a guardare nel loro sito sono rimasta subito colpita da queste bellissime pietre in onice con gli inserti in cristalli: sono classiche e particolari nello stesso momento e anche molto eleganti. Ho quindi pensato di abbinarle a perle in madreperla e, per dare ancora più luce al bracciale in onice, ho inserito degli intercalari con cristalli.

Per il braccialetto in onice vi serve (il materiale è per un braccialetto per un polso di 16 cm.: se il vostro fosse più grande aumentate in numero pari il numero delle perle in madreperla):

3 perle in onice con cristalli
2 intercalari con cristalli da 6 mm
16 perle in madreperla da 8 mm
1 perla in madreperla da 6 mm
cavetto in acciaio ricoperto
2 schiaccini
2 coprischiaccino
1 catenella da allungamento
3 anellini aperti
un moschettone

braccialetto in onice 1

L’esecuzione è semplice: inserite uno schiaccino e un coprischiaccino da un lato del cavetto e chiudete il coprischiaccino. Cominciate ad inserire 8 perle in madreperla e poi quelle in onice, inserendo gli intercalari in cristallo.

braccialetto in onice 2

Dopo le perle in onice continuate con le perle in madreperla e chiudete con coprischiaccino e schiaccino.

A questo punto inserite da un lato un anellino e il moschettone e, se siete sicure della misura, un anellino dall’altra parte. Se invece avete dei dubbi vi consiglio di inserire una catenella di allungamento e, per renderla più elegante, ad una estremità inserite una perla in madreperla più piccola.

braccialetto in onice 3

Inseritelo dalla parte del braccialetto in onice opposto a quello del moschettone e ……………….. indossatelo!!!!

fiori swarovski

Il girocollo in fiori swarovski penso che sia uno dei bijoux migliori per l’estate, quando le scollature di camicette e magliette la fanno da padrone. Portato da solo o abbinato a una o due catene di lunghezza variabile che arrivino sotto al seno, arricchisce il decoltè in modo delicato e raffinato. Anche il colore fa pensare al cielo azzurro dell’estate.

Semplicissima la realizzazione, i fiori swarovski hanno una luce inconfondibile. Questi fiorellini sono stati attaccati alla catena d’argento con piccoli anellini: è in casi come questi che la scelta della dimensione della catena diventa fondamentale. Se la catena fosse troppo grande i fiori non risalterebbero e, se fosse troppo piccola, il girocollo nel suo insieme, rischierebbe di non notarsi. Ho trovato nella mia collezione di catene questa che, con la sequenza di anelli piccoli alternati ad uno più grande, sembrava fatta apposta per questo girocollo e in più era anche molto comoda per attaccare i fiori swarovski. Così realizzato i piccoli fiori applicati come charms, hanno e danno movimento a tutta la creazione.

collana in cristallo

La collana in cristallo mi è stata richiesta da una collega che non aveva nessun bijoux da indossare su un maglione di color beige alquanto anonimo.

Devo dire che non è la prima volta che questa collega mi chiede di farle una collana e i suoi gusti non solo sono fortunatamente simili ai miei ma si fida di quello che potrei creare quindi non mi mette limiti.

Ho portato varie pietre sui toni del marrone per vedere come avrebbero potuto abbinarsi al maglione in oggetto ma tutte non risaltavano abbastanza. L’unica pietra che avrebbe potuto andare bene era la corniola ma ha già una collana di questa pietra. Avevo bisogno di pietre luminose per farle risaltare sul beige anonimo e mi sono venuti in mente i mezzi cristalli: appoggiati sul maglione si sono rivelate la scelta giusta. Ho scelto quattro gradazioni di colore sui toni del marrone unite con nodi ad orefice e ho intercalato elementi color argento a forma di fiore per dare movimento alla collana in cristallo.

I mezzi cristalli sono perline di vetro sfaccettate a macchina e poi messe in una fornace elettrica per ammorbidire e rendere meno acuti i bordi delle facce, e dare al vetro la brillantezza. Si chiamano mezzi cristalli perché queste perline assomigliano a un cristallo sfaccettato. A differenza del cristallo, però, i mezzi cristalli non contengono piombo. I mezzi cristalli sono originari della Boemia (Repubblica Ceca), e a distanza di 200 anni i mezzi cristalli cechi sono ancora considerati i più pregiati. La Repubblica Ceca non è l’unico produttore: alcuni stampi cechi sono stati comprati da Indiani che hanno iniziato una loro produzione, ma la qualità del vetro delle perline indiane è inferiore al vetro ceco. Una caratteristica peculiare dei mezzi cristalli cechi è che più è grande la perlina e più intenso è il colore. Le forme più comuni sono tonde, a rondelle, oblunghe, a bicono, a cilindro, a goccia, ma ne esistono davvero tante, anche molto particolari e fuori dal comune. I mezzi cristalli si trovano in moltissime finiture tra le quali: l’Aurora Borealis, finiture metalliche, finiture perlacee, finitura lucente o con un effetto ghiaccio. (cit. wikipedia)

La marcia in più di questa collana in cristallo è che i colori si abbinano benissimo non solo sul beige ma su tanti altri colori: infatti quando gliel’ho consegnata l’ha indossata subito su una camicetta in jeans e devo dire che stava molto bene.

collana in corallo

La collana in corallo bambù è una creazione dedicata all’estate che sta per arrivare.

Naturalmente come in quella che vi ho presentato qui, è realizzata in corallo bambù, una pianta marina che, opportunamente trattata e colorata, assomiglia tantissimo al corallo vero.

I due fili sono rimasti a lungo nella scatola perchè non sapevo come utilizzarli: volevo qualcosa di speciale per una collana in corallo, non il semplice filo che comunque è molto bello ma che trovo noioso.

L’idea di utilizzare il connettore con swarovski in color argento è stata la soluzione che cercavo. Ho infilato in un cavetto la parte superiore e ho utilizzato un moschettone per chiudere la collana. Per il pendente invece ho concatenato a rosario e perle cercando di equilibrare la lunghezza totale della collana. Così realizzato il pendente dà leggerezza a tutta la creazione.