Crea sito

Secondi piatti

Il risotto giallo con osso buco è uno dei miei piatti preferiti. Soprattutto l’osso anzi, più precisamente il buco e cioè il midollo. Quando questo piatto lo serve mia mamma nelle riunioni di famiglia c’è la caccia al buco!!!!!

Ingredienti (per 2 persone):

x il risotto:

160 gr. di riso Carnaroli
1 cipolla piccola
1 bustina di zafferano
brodo (possibilmente di carne)
sale
burro per mantecare

x l’osso buco:

2 ossi buchi (io li preferisco di vitellone, sono più saporiti)
burro
farina
1 scatola di pelati fini da 250 gr. (oppure di piselli surgelati)
1/2 bicchiere di vino bianco secco
prezzemolo tritato.

Cominciare a cuocere la carne. Tagliare con un coltello o con un paio di forbici i bordi degli ossi buchi altrimenti si arriccerebbero in cottura, infarinarli e togliere quella in eccesso. In una pentola dai bordi alti, sciogliere i burro e mettere a rosolare la carne da ambo i lati. Sfumare con il vino bianco e lasciare evaporare. Aggiungere i pelati, un po’ d’acqua, abbassare la fiamma e far cuocere molto lentamente. Girare spesso con una paletta per evitare che si rompano durante la cottura e che si attacchino. A metà cottura salare. Se necessario aggiungere durante la cottura un po’ acqua. Far cuocere per almeno 2 ore o fin quando la carne risulta morbida e il sugo addensato. A fine cottura aggiungere il prezzemolo tritato.

Per il risotto mettere a soffriggere nell’olio la cipolla tritata. Mettere il riso e far tostare bene. Aggiungere il brodo poco per volta. A metà cottura aggiungere lo zafferano sciolto in poco brodo. Quando il riso è cotto (circa 18 minuti per il carnaroli) spegnere il fuoco e mantecare con la noce di burro.

Si serve il risotto insieme all’osso buco e un po’ di sugo della carne.

Le scaloppine con funghi fontina e prosciutto sono spesso presenti sulla mia tavola perchè piacciono molto e sono veloci da preparare.

Ingredienti (x 4 persone):
4 fettine sottili di fesa di tacchino
4 fettine sottili di prosciutto cotto
4 fettine sottili di fontina
1/2 kg. di funghi a vostra scelta (con i porcini è superbo!!!)
burro
olio
sale
prezzemolo
1 spicchio d’aglio

Far soffriggere l’aglio nell’olio, aggiungere i funghi, salare e lasciare cuocere fino a cottura. Aggiungere un po’ di prezzemolo tritato.
Sciogliete una noce di burro in una padella e fate soffriggere le fettine di tacchino da entambi le parti e salate. Togliete dal fuoco, mettere un po’ di funghi, una fetta di formaggio e una di prosciutto su ogni fettina di carne. Rimettere la padella sul fuoco molto basso, coprite e lasciate cuocere lentamente fin quando il formaggio si scioglie.

Questo arrotolato di tacchino l’ho pensato quando nei giorni scorsi faceva caldo che sembrava di essere in estate e già si pensava a mangiare piatti freddi. Ora che è estate ma sembra di essere in autunno mi accorgo che può essere anche mangiato caldo. A voi la scelta.

Ingredienti per 4 persone:

2 fette grandi di fesa di tacchino

4 uova

1 cucchiaio di grana grattugiato

1 zucchina

1 hg di mortadella

olio d’oliva

burro

rosmarino

sale

Per prima cosa tagliare la zucchina a fettine sottili nel verso della lunghezza e farle sbollentare per 5 minuti in acqua bollente.

Preparare una frittata con 4 uova, 1 cucchiaio di grana grattugiato e sale. Cuocerla in una padellina con una noce di burro. Quando è pronta lasciarla raffreddare in un piatto.

Stendere su un foglio di carta da forno le fette di fesa di tacchino e sovrapporle un poco. Mettere le zucchine sbollentate su tutta la superficie della carne, la frittata e le fette di mortadella. Arrotolare il tutto aiutandovi con il foglio di carta e legarlo ben stretto con lo spago da cucina.

Mettere in una padella un cucchiaio di olio d’oliva, una noce di burro e un rametto di rosmarino. Far sciogliere il burro, adagiarvi il rotolo e farlo rosolare da tutte le parti. A questo punto salare e aggiungere un po’ d’acqua. Lasciare cuocere coperto per circa un’oretta aggiungendo poca acqua se dovesse asciugare troppo.

Nel sughetto della carne ho fatto cuocere delle patate tagliate a tocchetti.

Mangiatelo caldo o freddo come lo preferite.