Crea sito

Mese: Aprile 2014

collana di agata

La collana di agata che vi presento oggi è un esperimento che ho voluto fare: montare una collana su un cordoncino di cotone cerato.

Mi piaceva l’idea di avere delle perle che scorrevano su un cordoncino. Ho pensato quindi di infilare le perle di agata facendo dei semplici nodi per separarle, a distanza variabile in modo che queste potessero scorrere liberamente. Naturalmente la misura del cordoncino è studiata per fare in modo che, avendo le perle un foro più largo del cordoncino stesso, queste possano scorrere fino al nodo che le ferma. Alternando perle a forma di fuso più grandi a perle tonde (anche queste di dimensioni diverse) di diversa tonalità di blu e azzurro, ho ottenuto un gioco sia di colore che di forma e, con le perle che si spostano a seconda di come viene indossata la collana, anche una collana sempre diversa.

La collana di agata è molto lunga per cui non ho utilizzato chiusure ma ho semplicemente fatto un noto per bloccare  le perle. La si può benissimo indossare ad uno o a due giri. Lo stile di questa collana è decisamente sportivo per cui l’outfit indicato dovrà essere dello stesso genere: un paio di jeans e una camicia bianca penso sia l’abbinamento migliore per mettere in risalto lo stile e il colore delle perle di agata utilizzate per realizzare la collana. 

parure in ametista

 

La parure in ametista è la protagonista della “Staffetta di blog in blog” (qui il link della pagina facebook),

staffetta

l’iniziativa comune a tanti blog che ogni 15 del mese si accorda per pubblicare un articolo su un argomento concordato….. e come recita il titolo, l’argomento di questo mese è “Nel mio armadio ho trovato”.

Spesso aprire l’armadio riserva tante sorprese: abiti a parte (e nel mio ce ne sono veramente tanti), spesso troviamo vecchi oggetti dimenticati, “scheletri” (e chi non ne ha 😉 ) e anche “fantasmi” (e se non si è pronti ad affrontarli a quel punto è meglio richiudere le ante e lasciarli in pace). Io, che sono conosciuta per il mio “ordine”, se apro un armadio a caso sono sicura che salteranno fuori perle e pietre dure come in questo caso. Un sacchettino con chips di ametista che non ricordavo neanche di avere: sicuramente uno dei primi acquisti fatti quando ho iniziato a creare bijoux.

Che farne delle chips? Ma una parure in ametista. Ho preso qualche perla di forme diverse sempre in ametista, una stella, un cuore, un rettangolo e qualche perla rosata, le ho alternate alle chips infilate su due fili ed ecco che il girocollo ha preso forma. Per il braccialetto ho semplicemente infilato le chips su un filo elastico, comodo e resistente. La parure è finita. Quasi quasi, visto il risultato finale, provo ad aprire qualche altro armadio…. tanto sicuramente troverò qualche altra pietra 😉 

Cosa avrà trovato nel suo armadio Marzia? Siete curiosi? Andate a vedere sul suo blog Cronache di una bionda